Come scegliere i colori giusti per il bagno

Fino a pochi decenni fa il colore per il bagno per eccellenza era il bianco, perché oltre a renderlo luminoso, dava subito un’impressione di grande pulizia e di igiene.

Il bianco, oltre ad essere utilizzato da solo, spesso veniva abbinato all’azzurro e al blu, due colori che richiamavano il fondale marino, o al nero e all’oro, per conferire alla bagno, anche a quello più piccolo, un aspetto elegante.

Oggi invece, complice l’arrivo di nuove mode, di filosofie orientali (come il Feng Shui) e del desiderio da parte degli home designer di sperimentare nuove tendenze, nel bagno moderno sono entrati anche altri colori, compresi quelli che fino a pochi anni fa era quasi inconcepibile pensare di utilizzare, come l’arancione, il giallo, il rosso e il verde scuro.

Ovviamente, come per tutte le altre stanze della casa, nella scelta dei colori per il bagno non bisogna farsi guidare soltanto dai dettami della moda, ma anche guardare le caratteristiche della stanza e, da ultimo ma non meno importante, scegliere uno stile di arredamento che richiami anche quello del resto dell’abitazione.

Per esempio, se abbiamo optato per lo shabby chic, dovremo cercare di prediligere tinte pastello per il bagno, mentre se nella nostra casa predomina lo stile contemporaneo, dovremo puntare invece sul grigio tortora o sul crema.

Fatta questa premessa, vediamo quali sono le altre combinazioni di colore che possiamo utilizzare per rendere il nostro bagno accogliente e rilassante.

Colori per le pareti del bagno: alcuni consigli

In linea di massima, a meno che non siano i nostri preferiti, per le pareti del bagno è meglio non optare per colori scuri come il nero, il marrone, il grigio scuro e il grigio, perché queste tonalità tendono a togliere luce all’ambiente e a renderlo piuttosto “tetro”.

Anche l’arancione, il giallo acceso e il rosso andrebbero evitati, perché oltre ad essere molto sgargianti, con il passare del tempo potrebbero risultare troppo stressanti per l’occhio, in quanto, essendo colori caldi, tendono a risvegliare l’attenzione.

Il bianco, anche se è un colore “molto classico”, è indicato per la parete del bagno, perché porta subito una ventata di luce, anche nei bagni più piccoli, scuri o dove sono presenti finestre piccole.

In alternativa, se non lo si ama particolarmente, è possibile utilizzare anche un colore pastello, come il giallo tenue, il rosa o il viola chiaro, il verde chiaro, una scelta molto apprezzata da chi frequenta i centri di benessere e vuole portare la stessa atmosfera nel suo bagno, e l’azzurro chiaro, un colore che richiama il mare.

Leggi anche: Come colorare le pareti di casa

Colori per le piastrelle del bagno: quali sono i più indicati?

Per quanto riguarda la scelta del colore delle piastrelle del bagno, la prima cosa da guardare è il colore dei sanitari e delle pareti.

Per esempio, se abbiamo deciso di optare per pareti e sanitari bianchi, ma vogliamo portare un tocco di colore senza snaturare l’ambiente, potremo scegliere piastrelle rosse, arancioni o giallo evidenziatore.

Se, al contrario, vogliamo creare un contrasto molto forte e giocare anche sulle fantasie geometriche, potremo introdurre piastrelle bianche e nere oppure, se riteniamo che il nero sia un po’ troppo appariscente, piastrelle bianche e grigie o solo grigie.

Per quanto riguarda invece le piastrelle colorate, a meno di non voler ottenere l’effetto “pugno nell’occhio”, in generale le si dovrebbe scegliere di un colore abbastanza vicino a quello dominante nel bagno oppure più scuro.

Per esempio, se per il nostro bagno abbiamo optato per sanitari bianchi e pareti azzurre, per le piastrelle dovremmo rimanere intorno alla gamma degli azzurri o, se ci piacciono gli abbinamenti cromatici “azzardati ma non troppo”, scegliere il turchese.

Colori per il bagno: come scegliere il colore delle pareti

Bagno moderno: oltre al grigio tortora, che di recente sta spopolando tra gli amanti dello stile contemporaneo, altri colori indicati per il bagno moderno sono l’azzurro, rilassante e ispirato al mondo sottomarino, il bianco, il beige e il cipria, due alternative molto amate da chi non è un fan del total white, il sabbia, perfetto per gli appassionati dello stile nordico, e il greenery.

Bagno piccolo: se il bagno è piccolo, quando scegliamo i colori dobbiamo ricordarci di non mischiare troppe tonalità, in quanto questo bagno, a differenza degli altri, ha bisogno di essere essenziale per potersi esprimere al massimo. Per esempio, se abbiamo sanitari vintage  e spazi ristretti, per le pareti possiamo scegliere un azzurro carta da zucchero molto vivace o, in alternativa, un azzurro Tiffany. Infine, per renderlo decisamente unico, possiamo decidere se mettere uno specchio con una cornice elaborata o, in alternativa, stampe in bianco e nero con le immagini delle grandi dive del passato, come Audrey Hepburn.

Bagno lungo e stretto: se il bagno è lungo e stretto, ma noi desideriamo diminuire la lunghezza e dare l’impressione che la stanza sia più grande, questo è l’unico caso in cui possiamo scegliere un colore caldo, come il rosso o l’arancione, per la parete più lontana, mentre per le pareti laterali dovremo optare per colori chiari.

Bagno vintage: se siamo appassionati di un determinato periodo storico e vogliamo dare al nostro bagno un aspetto vintage, per le pareti laterali possiamo scegliere un colore come il grigio scuro, lasciando il soffitto bianco, mentre per le piastrelle il nero. Per completare il tutto, possiamo optare per uno specchio vintage importante dalla cornice dorata o per una vasca da bagno grande e che giochi il ruolo di punto focale nella stanza.

Bagno zen: dopo aver vissuto un momento d’oro nel 2018, il bagno zen è tornato di gran moda anche nel 2019, visto che sempre più persone desiderano avere in casa un ambiente che ricordi le spa. In questo caso, oltre a sanitari bianchi dalle linee tonde e a mobili in legno, per il pavimento del bagno dovremo scegliere piastrelle color legno (il parquet infatti, pur essendo bello, in bagno potrebbe rappresentare un problema, perché oltre ad assorbire acqua, con il tempo potrebbe rovinarsi), mentre per le pareti tonalità sul beige o sul cipria.