Arredamento minimal zen: i benefici per te e per la tua casa

Un arredamento minimal zen comporta una serie di benefici per la casa e per tutti coloro che ci vivono. È, infatti, capace di donare alla dimora un aspetto complessivamente più libero, luminoso e accogliente: regala ai locali una piacevole sensazione di freschezza, ed è progettato nell’ottica dell’equilibrio e della serenità.

Devi sapere, poi, che le camere da letto di questo stampo conciliano il sonno e favoriscono il relax del corpo e della mente. Chi dorme in una simile stanza si sveglia più riposato, e affronta tutti i doveri e i problemi quotidiani con maggiore forza e tranquillità. In pratica, l’armonia dello spazio si trasmette alla psiche delle persone, che traggono gioia e pace interiore da un ambiente del genere.

Tra l’altro, l’arredamento giapponese oggi è realizzato con materiali al 100% green e rispettosi del pianeta, come il legno, la fibra di bambù e la paglia di riso. Superfici naturali, gradevoli al tatto e alla vista, caratterizzate da colori neutri o caldi che rievocano il silenzio dei boschi e delle foreste. I complementi sono contraddistinti da un design essenziale, che rinuncia a tutto ciò che è superfluo per facilitare il fluire delle energie tra le mura domestiche e nell’animo di tutti gli inquilini.

Zabuton e tatami per un’area living zen

Il minimalismo è uno dei criteri che non vanno mai trascurati quando si parla di allestire un’abitazione in stile zen. È necessario che qualunque elemento sia privo di fronzoli, dotato di forme pulite e semplici per ridurre al massimo il pericolo di ingombro.

Quali sono i prodotti per un arredamento giapponese zen? Se ci riferiamo alla zona living, non possono mancare il tatami e gli zabuton: rispettivamente, il pavimento tradizionale e i cuscini utilizzati anticamente per la meditazione dei monaci buddisti.

Il tatami è in paglia di riso, molto fragile e inadatto, quindi, alla mobilia standard che potrebbe causare graffi o comunque rovinare il rivestimento. In questo contesto gli zabuton sono perfetti, in sostituzione delle tipiche sedie da salotto. Tali articoli possiedono linee morbide e pure: sono di notevole impatto visivo, e permettono di ottenere un soggiorno originale, intimo, ospitale, in grado di infondere emozioni positive.

Un tatami e qualche zabuton si abbinano in maniera eccellente a un tavolino basso, in legno o in altri materiali ecologici. Nulla di meglio per sorseggiare un tè in compagnia e trascorrere ore di qualità con amici e parenti in una stanza libera, arieggiata e del tutto comoda.

Una camera da letto in stile giapponese

Come già ti abbiamo accennato, in una camera da letto giapponese e minimale ci si rilassa completamente e si abbandonano tutti i pensieri negativi.

Dormire bene è fondamentale per allontanare lo stress e per fronteggiare gli impegni con il giusto vigore. Un simile obiettivo non è difficile da raggiungere in uno spazio arredato in questo modo: l’eliminazione del superfluo avviene tanto nell’ambiente quanto nello spirito. È davvero meraviglioso chiudere gli occhi e riposare su un futon, che si srotola sul tatami di sera e si ripone nell’armadio al mattino.

Il classico letto giapponese è simbolo di comfort e di funzionalità. Anche questi sono due requisiti che non vengono mai persi di vista in un arredamento zen. Il futon è indispensabile in una camera che aderisce a questo stile, è in falde di cotone e, dunque, naturale ed ecosostenibile.

Praticità, essenzialità, rimozione di tutto ciò che è ridondante ed eccessivo. Questi sono gli standard di base di una casa di stampo giapponese, che fa sentire a proprio agio tutti coloro che varcano la soglia.

Leggi anche: Arredamento Feng Shui

Accessori, tonalità e decorazioni

Avrai capito che l’arredamento minimal zen non può prescindere da alcune peculiarità come la semplicità, la purezza e la luce. Di conseguenza, è importante che le decorazioni non siano mai sovrabbondanti e che si limitino a una lampada (magari a sua volta giapponese) e ad una o due stampe da parete a tema.

Il verde è un must in questo genere di stanze. È il colore che rispecchia il mondo della natura, e suggerisce quiete, calma e serenità. Non dimenticare di posizionare qui e lì un paio di piante, in vasi di pietra o di legno: in queste circostanze, le specie migliori sono quelle tipiche del Giappone o in alternativa i bonsai.

Il marrone, il blu, il beige e il grigio sono altre ottime tinte per una dimora zen. Evita, invece, le sfumature troppo vivaci e brillanti.

Dove acquistare articoli d’arredo minimal zen

Una vasta gamma di prodotti minimal zen è disponibile presso lo shop di viverezen.it: un’azienda che si serve solo ed esclusivamente di materiali a basso impatto ambientale e fornisce complementi dal design pulito, sobrio, armonioso – quella stessa armonia che andrà a permeare ogni angolo della tua abitazione.

La vision dell’e-commerce si basa su un sincero amore per l’ecosistema e su un profondo senso di unione e comunanza con esso. Il concetto chiave è “equilibrio”, sia nell’arredamento sia nell’animo e nella vita in generale!   

An.ArredamiCasa partecipa al programma di affiliazioni di Amazon, ricevendo un guadagno dagli acquisti idonei.

Ricevi aggiornamenti sull'arredamento