Pitturare le pareti della cucina

Come pitturare le pareti della cucina, utilizzando alternativamente le piastrelle

Quali colori per pareti scegliere e come pitturare la cucina

Scegliere i colori adatti al nostro ambiente è importante per poter vivere nell’ atmosfera che più ci aggrada e ci fa stare bene.

I colori sono sempre presenti in ogni momento della giornata e si imprimono nella nostra mente, lasciandoci sensazioni ed impressioni molto diverse tra loro proprio a seconda del colore stesso.

Per questo occorre prestare attenzione alla scelta dei colori per le pareti della nostra casa.

Colori per le pareti della cucina

Nella cucina sarebbe indicato utilizzare il colore giallo oppure il bianco, così da evidenziare l’igiene della stanza e permettere di percepire in maniera corretta il colore naturale dei cibi. I colori chiari in genere sono indicati in quanto contribuiscono ad aumentare idealmente lo spazio del locale.
Si può osare anche con il colore rosa che dona un tocco di femminilità, il blu che porta serenità e distensione, il verde che richiama la natura. Tutti colori pastello che rimango ariosi, leggeri, freschi per un ambiente accogliente.

I colori marroni, beige e verde scuro richiamano invece un forte senso di familiarità, di origine e tradizione, sono molto indicati per lo stile più classico o country, rustico.

Ovviamente il colore dipende anche dal tipo di pavimento, dai mobili, dalle tende, ogni elemento contribuisce a creare l’atmosfera ed è scontato che il bianco sia il colore che si abbina a qualsiasi stile che caratterizzi l’arredamento.

I colori vanno scelti anche in base all’illuminazione naturale della cucina e anche in base a quella artificiale. Se la stanza è disposta a nord sarebbe opportuno optare ad esempio per colori caldi.

La pittura delle pareti della cucina deve essere resistente al calore e all’umidità, per cui si consigliano le vernici ad olio lavabili o una pittura setificata. La pittura se opaca va posta sul soffitto, in quanto essa risulta meno resistente.

Altri tipi di pittura sono quella a tempera , ma meno duratura, e l’idropittura antistatica traspirante.

Rivestire le pareti con le piastrelle

Oppure per decorare la cucina si possono scegliere le piastrelle, quelle in ceramica sono molto resistenti. Le piastrelle devono essere posizionate su una superficie liscia, pulita, asciutta e stabile. Esse sono realizzate con un impasto di argilla cotta a temperatura molto alta, così da renderle resistenti, si trovano in commercio sotto varie forme e colori. Si possono sfruttare anche vecchie piastrelle applicando uno smalto che le renda lucide.

Il rivestimento delle piastrelle in cucina non deve mai superare l’altezza degli occhi o quella del rubinetto più alto in quanto esso limita la traspirazione del muro.