Come pulire le porte e le finestre in legno

Gli infissi in legno, così come anche le porte, sono un must to have, soprattutto se si desidera mantenere l’aspetto tradizionale di una casa d’epoca oppure di uno chalet in montagna. Tuttavia, proprio a causa della natura del materiale con cui vengono prodotte, le finestre e le porte in legno richiedono maggiori cure rispetto a quelle realizzate in alluminio.mDifatti il legno, con l’esposizione ai capricci del meteo, se non trattato in modo adeguato può schiarirsi, scheggiarsi e, nei casi più gravi, sviluppare anche muffa.

Qual è però il modo migliore per mantenere pulite le finestre e le porte in legno? Ecco qualche consiglio.

Come pulire le porte di legno senza aloni

Il primo passo da fare per pulire le porte di legno è quello di passare uno spolverino su tutta la superficie, di modo da rimuovere la polvere e le ragnatele.

In seguito, se si desidera soltanto effettuare una pulizia veloce, è sufficiente sciogliere un po’ di sapone liquido di Marsiglia in una bacinella d’acqua calda  e passare questa soluzione sulla porta con l’aiuto di una spugna non abrasiva.

Se invece si desidera rinnovare le vecchie porte in legno, in tal caso si dovrà dapprima pulire la superficie con uno spolverino, poi carteggiarla e, da ultimo ma non meno importante, applicare un prodotto ad olio.

Infine, per chi lo desidera, è possibile concludere l’operazione scegliendo una tinta trasparente o coprente per dipingere la porta e darle un nuovo aspetto e un prodotto idrorepellente da spruzzare sulla superficie per proteggerla dalle aggressioni degli agenti esterni.

Come pulire gli infissi esterni e interni in legno

Le finestre in legno, a differenza delle porte, non richiedono molto tempo per la manutenzione, ma ciò non significa che può essere trascurata.

In questo caso i metodi più semplici sono i migliori e, guarda caso, sono anche quelli più economici. L’uso di una spazzola a setole morbide con un po’ di detersivo e il successivo risciacquo con acqua tiepida spesso è sufficiente per riavere finestre in legno in buono stato.

Se invece le finestre sono sporche di muffa, è consigliabile non utilizzare la candeggina, perché si rischia di danneggiare il legno, ma un diluente all’aceto.

Il diluente all’aceto può essere fatto anche in casa, sciogliendo un bicchiere di aceto di vinobianco in quattro bicchieri di acqua calda e applicando questa miscela sulle