Quadri: sceglierli e mixarli con classe

quadri sono un importante e distintivo elemento d’arredo per la casa, la scelta dei vari soggetti e tipologie denotano il gusto e le tendenze dei proprietari delle tele, nonché la conoscenza del mondo dell’arte; benché non sempre sia determinante la cultura nella scelta e nell’acquisto di un quadro, spesso ci si affida di più a istinto e impatto visivo, a quel “certo non so ché” che una tela ci ispira.

accostamenti-di-colore-tono-su-tono

Nel corso dei secoli il quadro a percorso un lungo cammino

Nel corso dei secoli il quadro a percorso un lungo cammino attraverso, tecniche pittoriche, stili, tendenze, scuole di pensiero, e infine anche la tecnologia, dalla classica tela di lino o cotone dei primi dell’800 si è passati alle tele industriali, sempre in fibre naturali ma trattate chimicamente, e i materiali per dipingere si sono arricchiti di molte novità, dando cosi un input diverso alla celebrità dei dipinti.

Quadri… importanti elementi d’arredo, praticamente immancabili

Dapprima importanti elementi d’arredo, praticamente immancabili in ogni residenza di lusso dell’alta borghesia sin dal ‘600 a venire in avanti; poi, sempre legati a un’importanza specifica, ma più orientata verso il valore monetario dell’opera che non a quello intrinseco del talento pittorico.

Oggi i quadri sono ancora importanti ma siamo su scale differenti rispetto al passato e molto varie, sia come costo che come soggetti, stili, e impatto scenico; potete optare per normali tele eseguite con i colori a olio e  incorniciate, o dare un tocco di luce e colore con le gigantografie, le sofisticate serigrafie o le riproduzioni di opere famose, le acque forti, i dipinti a tempera,  paesaggi o soggetti astratti da scovare nelle piccole botteghe o nelle mostre di quartiere.

…dare un tocco di luce e colore…

Poco importa da chi sia firmato il quadro se non avete velleità da collezionista, ma cercate solo qualcosa che renda bella e accogliente la vostra casa, potete orientarvi sullo stesso tipo di soggetto; ad esempio i fiori,  acquistando quadri di pittori differenti ma che abbiano il pallino delle nature morte; oppure decorare le pareti di casa vostra con una piccola raccolta di “marine”.

Mescolare soggetti e stili molto differenti richiede un’attenzione specifica per non cadere nel cattivo gusto, e non rischiare di ritrovarsi una parete dove un’accozzaglia di quadri incompatibili tra loro faranno sfigurare anche il più raffinato degli ambienti. Appendere quadri alle pareti dà carattere e colore a una stanza, possiamo anche appenderne molti sulla stessa, ma facendo attenzione all’abbinamento dei colori e alle dimensioni.

In disposizione geometrica è possibile creare una specie di mosaico, oppure appenderne solo alcuni sempre in numero pari e   in fila, ma in questo caso devono essere simili nelle misure; nelle sale da pranzo sono preferibili dipinti che rappresentano paesaggi o scene di vita, in salotto invece danno un tocco di armonia anche i ritratti, gli animali, il mare, i tramonti; per le camere da letto sono preferibili i toni caldi e i soggetti più originali, i nudi e i volti di donna, o le grandi tele decorative con scenari tropicali.  Se i quadri non fanno per voi potete trovare un valido decoro nel murales domestico ma a patto che abbiate un arredamento adeguato a una soluzione tanto moderna e azzardata.

An.ArredamiCasa partecipa al programma di affiliazioni di Amazon, ricevendo un guadagno dagli acquisti idonei.

Ricevi aggiornamenti sull'arredamento